servicesBg.png

Il Digital in Ticino 

Il Ticino e l'Innovazione 

UNA NUOVA ERA:

Siamo entrati in un’era di cambiamento e trasformazione radicale che sta modificando profondamente il settore manifatturiero, tanto da essere denominata “quarta rivoluzione industriale”. Questa trasformazione ruota intorno al ripensamento dei prodotti, destinati ad essere sempre più intelligenti e connessi, e dunque al ruolo stesso della progettazione. In Ticino Digital Building Blocks vuole consentire ad aziende di ogni dimensione e settore di affrontare tali forze trasformative in modo da realizzare e consolidare vantaggi in termini commerciali e di Brand Reputation.

 

IL TICINO E L'INNOVAZIONE 

In Ticino sono attive, circa 34’000 PMI (Piccole e Medie Imprese) che impiegano poco meno di 240’000 addetti: la media è di circa 8 addetti per azienda.  

L’82% delle PMI opera nel settore terziario, il 15% nel settore secondario e il restante nel settore agricolo.

L’85% (29’000 aziende!) delle PMI conta meno di 5 dipendenti e solo il 2% ne conta più di 50.

In sostanza si tratta di un ambiente aziendale proprietario-centrico fatto spesso di imprese familiari o a titolare unico con qualche collaboratore, ovvero un ambiente poco avvezzo alle moderne evoluzioni del mercato del lavoro.

Imprese dove la politica dell’innovazione è completamente o in larga misura gestita senza strumenti e competenze qualificate e nelle quali manca la capacità di innescare processi innovativi importanti anche a causa di una peculiare problematicità legata al finanziamento del business e per lo sforzo del passaggio generazionale.

Questo porta chiunque lavori nel digitale, a qualunque livello, a scontrarsi quotidianamente con incomprensione e impreparazione.

Questa “fotografia” spiega come mai l’innovazione e in particolare la Ricerca e Sviluppo rappresentino un elemento critico a livello cantonale.

Gli investimenti in Ticino sono infatti notevolmente inferiori al livello medio nazionale e molto lontani dai Cantoni più innovatori come, ad esempio, Basilea.

Analizzando i numeri, il Ticino si presenta come un Cantone fortemente orientato al settore terziario.  

Nel secondario, i segmenti a maggior impiego sono le industrie di fabbricazione di prodotti elettronici, di ottica, di produzioni in metallo; seguono il commercio al dettaglio, l’edilizia e il ramo sanitario e assistenziale.   

Settori trainanti del Cantone, quelli che impiegano il maggior numero di lavoratori, sono – in ordine crescente d’importanza – il settore turistico (alloggio e ristorazione) con circa 15’000 persone distribuite in 2’000 aziende, le costruzioni con più di 17’000 addetti in 2’000 aziende, la sanità/assistenza sociale con oltre 18’000 operatori e circa 1’000 aziende, le attività manifatturiere con oltre 28’000 lavoratori impiegati in 1’500 aziende e, il settore clou, il commercio con circa 30’000 addetti e quasi 5’000 aziende.

 

serviceBg2.jpg

Innovazione 

Siamo l'Associazione che sta formando i nuovi leader digitali nel Ticino.